Crea sito

Aggiornamenti sull’Angina pectoris e sulle Sindromi coronariche acute by Xagena

AnginaOnline.net – Angina pectoris & Sindromi coronariche acute

AnginaOnline.net | Angiologia.net | Aritmie.net | Aritmologia.net | Bioheart.net | Cardiologia.net | Cardiologia.org | CardiologiaOnline.it | CardiologiaOnline.net …

Angina pectoris & Sindromi coronariche acute News – AnginaOnline.net

Sintomi di esordio delle sindromi coronariche acute nelle donne: miti verso realtà. Sono stati descritti i sintomi di presentazione delle sindrome coronariche …

Accesso radiale versus femorale nei pazienti con … – AnginaOnline.net

Accesso radiale versus femorale nei pazienti con sindromi coronariche acute sottoposti a trattamento invasivo. Non è chiaro se l’accesso radiale rispetto a …

More links Angina pectoris & Sindromi coronariche … – AnginaOnline.net

Diabete mellito di tipo 2 · Efient · Enoxaparina · Eparina non-frazionata · Eptifibatide · Fibrillazione ventricolare · Fondaparinus · Frequenza cardiaca · Ictus.

Sindromi coronariche acute Newsletter by Xagena

ALERT Sindromi coronariche acute !

Top News / Interazione tra antiacidi prazolici e antiaggreganti piastrinici ?

I pazienti trattati con antiacidi PPI e antiaggreganti e sottoposti ad angioplastica coronarica presentano a 2 anni un più alto rischio di gravi eventi avversi cardiaci

I nuovi dati ottenuti dal Registro ADAPT-DES hanno mostrato che l’uso degli antiacidi noti come inibitori della pompa protonica ( PPI ) da parte dei pazienti sottoposti a intervento coronarico percuta …

APPROFONDIMENTO

ADAPT-DES: gli antiacidi della classe degli inibitori della pompa protonica aumentano l’alta reattività piastrinica nei pazienti sottoposti a PCI con stenting

La somministrazione concomitante di inibitori della pompa protonica ( PPI ) e della doppia terapia antiaggregante produce un aumento dei tassi di alta reattività piastrinica nei pazienti sottoposti a …

Focus On: Bivalirudina o Eparina non-frazionata nelle sindromi coronariche acute ?

Bivalirudina o Eparina non-frazionata nelle sindromi coronariche acute

Esistono prove contrastanti sulla efficacia e sicurezza di Bivalirudina ( Angiox ) somministrata come parte di un intervento coronarico percutaneo ( PCI ) nei pazienti con sindrome coronarica acuta. …

APPROFONDIMENTO

Pazienti con sindrome coronarica acuta sottoposti ad angioplastica: risultati misti per la Bivalirudina

I pazienti con sindrome coronarica acuta sottoposti ad angioplastica che hanno ricevuto la Bivalirudina ( Angiox, Angiomax ), un farmaco anticoagulante, non hanno mostrato miglioramenti significativi …

News Cardiologia

Troponina ed eventi cardiaci nella malattia cardiaca ischemica stabile e nel diabete mellito

Le concentrazioni di troponina cardiaca vengono utilizzate per identificare i pazienti che potrebbero trarre beneficio da una rivascolarizzazione urgente per sindromi coronariche acute. I ricercat …

Rischio di eventi avversi cardiaci ed emorragici dopo chirurgia cardiaca e non-cardiaca nei pazienti con stent coronarici

Le conseguenze dell’intervento chirurgico nei pazienti in cui erano stati impiantati stent coronarici non sono ben definite, così come l’impatto dei differenti tipi di stent in relazione al tempo inte …

Food and Drug Administration ( FDA )

L’FDA Advisory Panel ha raccomandato contro le indicazioni allargate per Vytorin: riduzione di eventi cardiovascolari

Merck, conosciuta come MSD al di fuori degli Stati Uniti e del Canada, ha rilasciato la seguente dichiarazione dopo la conclusione di una riunione del Endocrinologic and Metabolic Drugs Advisory Commi …

MediExplorer.it :: Database di news per i Medici 

Pazienti con sindromi coronariche acute senza sopraslivellamento ST: effetto della Ranolazina sulla fibrillazione atriale

Uno studio ha valutato l’effetto della Ranolazina, un farmaco anti-ischemico con proprietè antiaritmiche, sul carico complessivo di fibrillazione atriale nelle sindromi coronariche acute ( ACS ), e ha cercato di stabilire se la Ranolazina riduce … Leggi

Relazione tra precedente uso del Ace inibitore ed esiti in ospedale nelle sindromi coronariche acute

L’uso di un inibitore del enzima di conversione della angiotensina ( Ace-inibitore ) nei pazienti ad alto rischio di malattia coronarica è stato associato con una riduzione del rischio di infarto del miocardio e di morte. Tuttavia, non è chiaro se … Leggi

Inclacumab appare esercitare un effetto protettivo nei pazienti con sindrome coronarica acuta, sottoposti a impianto di stent

Inclacumab, un nuovo anticorpo monoclonale, che ha come target la P-selectina può ridurre il rischio di eventi nei pazienti con sindrome coronarica acuta sottoposti a impianto di stent. I pazienti che hanno ricevuto una dose elevata di … Leggi

Farmaci Newsletter by Xagena

ALERT Farmaci !

Top News / Sindromi coronariche acute: L’FDA ha di nuovo rigettato l’approvazione del nuovo anticoagulante Xarelto

FDA non ha approvato la nuova indicazione per Xarelto: sindrome coronarica acuta

L’Agenzia regolatoria statunitense, FDA ( Food and Drug Administration ), ha inviato una lettera di risposta completa alla società farmaceutica Janssen, non approvando le nuove applicazioni supplement …

Cardiologia

L’uso dei beta-bloccanti in ambiente perioperatorio: controversie

Dalla fine del 2011, quando il lavoro scientifico di Don Poldermans è stato per la prima esaminato ci sono state controversie nel mondo medico circa l’uso dei beta-bloccanti nel trattamento perioperat …

Colchicina per la pericardite acuta

La Colchicina è efficace per il trattamento della pericardite ricorrente.Tuttavia, mancano dati conclusivi sull’uso della Colchicina durante un primo attacco di pericardite acuta e nella prevenzione d …
Ematologia  

FDA: approvato Ibrutinib nel trattamento della leucemia linfatica cronica

L’Agenzia regolatoria statunitense ha ampliato le indicazioni di Ibrutinib ( Imbruvica ) per includere il trattamento dei pazienti con leucemia linfatica cronica ( CLL ), già sottoposti, in precedenza … leggi Articolo

Ruxolitinib: risultati promettenti nella policitemia vera, forma avanzata

Uno studio di fase II ha mostrato che Ruxolitinib ( Jakafi, Jakavi ) è stato in grado di indurre una risposta duratura ed è apparso ben tollerato nei pazienti con policitemia vera che erano refrattari alla Idrossiurea ( Oncocarbide ), o intolleranti. Ricercatori del University of Texas – MD Anderson Cancer Center, hanno valutato Ruxolitinib, un inibitore orale di […]

FDA ha approvato Imbruvica per il linfoma a cellule del mantello

La Food and Drug Administration ( FDA ) ha approvato Ibrutinib ( Imbruvica ) per il trattamento dei pazienti con linfoma a cellule del mantello, che hanno ricevuto almeno una precedente terapia.Ibrutinib è un inibitore della tirosin-chinasi di Bruton.Ibrutinib ha ricevuto l’approvazione della FDA grazie a un iter accelerato, che consente all’Agenzia re […]
Pneumologia

Studio TIOSPIR: Tiotropio Respimat non associato a un aumentato rischio di decesso nella BPCO

Il Tiotropio sommnistrato alla dose di 5 mcg con l’inalatore Respimat ( Spiriva Respimat ) ha mostrato efficacia simile a quella di 18 mcg di Tiotropio somministrato con il dispositivo per inalazione …

BPCO moderata-grave: Acetilcisteina 600 mg due volte al giorno può prevenire le riacutizzazioni

L’aumento dello stress ossidativo e della infiammazione ha un ruolo nella patogenesi della malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ). I farmaci con proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, com …
Epatite

Alto tasso di risposta virologica sostenuta con la combinazione Daclatasvir e Sofosbuvir nei pazienti con infezione da HCV genotipo 1, 2 e 3

Il regime orale costituito da Daclatasvir e da Sofosbuvir ( Sovaldi ) ha prodotto una guarigione nel 90% dei pazienti con infezione da virus della epatite C ( HCV ).Daclatasvir è un inibitore NS5A e S …

Abbvie: programma di fase III di una terapia orale senza Interferone in pazienti con epatite C genotipo 1

AbbVie ha annunciato il completamento del suo programma clinico di fase III e ha rilasciato i risultati di quattro studi che hanno valutato la terapia orale senza Interferone, con o senza Ribavirina, …
Farmacovigilanza

L’FDA sta indagando sul rischio di eventi cardiovascolari con i prodotti a base di Testosterone

La FDA ( Food and Drug Administration ) sta compiendo indagini riguardo al rischio di ictus, infarto miocardico e mortalità negli uomini che assumono prodotti, approvati dall’Agenzia regolaria statunitense, a base di Testosterone.L’FDA ha deciso di riesaminare la sicurezza di questi medicinali sulla base della recente pubblicazione di due studi che hanno indicato […]

Il Comitato scientifico dell’EMA ha raccomandato che Protelor / Osseor restino disponibili ma con ulteriori limitazioni

L’European Medicine Agency ( EMA ) ha concluso la sua revisione su Protelos / Osseor ( Ranelato di Stronzio ) e ha raccomandato di limitare ulteriormente l’uso del medicinale ai pazienti che non posso …

I farmaci antidepressivi associati a ipertensione polmonare persistente dei neonati

I neonati di madri che assumono gli inibitori selettivi del riassorbimento della serotonina ( SSRI ) durante la gravidanza sono ad aumentato rischio di ipertensione polmonare persistente.I risultati d …

Miorilassanti: limitazioni per i medicinali a base di Tiocolchicoside per uso sistemico a causa di genotossicità

L’European Medicines Agency ( EMA ) e l’AIFA hanno informato gli operatori sanitari riguardo ad importanti limitazioni relative all’uso dei medicinali a base di Tiocolchicoside per uso sistemico, impo …

MediExplorer.it :: Il Primo Motore di Ricerca Specializzato in Medicina

Artrite reumatoide: la sicurezza e l’efficacia di Baricitinib si mantengono a 52 settimane

L’efficacia e la sicurezza della terapia con Baricitinib a 52 settimane si sono mantenute sostenute agli stessi livelli o a livelli migliori di quanto riportato a 24 settimane nei pazienti con artrite reumatoide, secondo uno studio presentato al … Leggi

Tofacitinib nei pazienti con artrite reumatoide trattati con Metotrexato

Uno studio di 24 mesi di fase III ha esaminato la conservazione strutturale con Tofacitinib ( Xeljanz ) nei pazienti con artrite reumatoide con una risposta inadeguata al Metotrexato ( MTX ). Sono stati riportati i dati di un’analisi ad interim di … Leggi

Inibitori della interleuchina-1 beta: Ilaris nel trattamento della artrite idiopatica giovanile a esordio sistemico, una grave forma di artrite infantile

L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, Food and Drug Administration ( FDA ), ha approvato Ilaris ( Canakinumab ) per il trattamento della artrite idiopatica giovanile a esordio sistemico attiva ( SJIA ) nei pazienti dai 2 anni di età. Ilaris è … Leggi

Apremilast: efficacia a 1 anno nei pazienti affetti da artrite psoriasica

I pazienti con artrite psoriasica hanno continuato a mostrare risposta clinica significativa dopo 24 settimane di trattamento con Apremilast.Lo studio ha mostrato che Apremilast, un inibitore orale della fosfodiesterasi 4 mantiene l’efficacia e la … Leggi

Abatacept nella nefropatia proteinurica B7-positiva

Abatacept ( CTLA-4-Ig; Orencia ) è un inibitore costimolatorio che ha come bersaglio B7-1 ( CD80 ).È stato pubblicato un report che descrive 5 pazienti con glomerulosclerosi segmentale focale ( FSGS ) ( 4 con malattia ricorrente dopo trapianto e 1 … Leggi

Safinamide aggiunta a Levodopa nella malattia di Parkinson con fluttuazioni motorie

La Levodopa è efficace per i sintomi motori della malattia di Parkinson ( PD ), ma è associata a fluttuazioni motorie e discinesia. Molti pazienti richiedono una terapia addizionale per migliorare le fluttuazioni motorie senza esacerbare la … Leggi

Demenza da malattia di Alzheimer: diuretici, sartani e ACE-inibitori riducono il rischio

Una analisi, compiuta da ricercatori della Johns Hopkins su più di 3.000 anziani statunitensi ha mostrato che l’assunzione di alcuni farmaci antipertensivi può ridurre il rischio di demenza dovuta a malattia di Alzheimer. In uno studio, pubblicato … Leggi

Cardiologia Newsletter by Xagena

ALERT Cardiologia !

Sindromi coronariche acute: Ticagrelor nella prevenzione a lungo termine degli eventi cardiovascolari

Ticagrelor ha ridotto gli eventi trombotici cardiovascolari nei pazienti con una storia di infarto miocardico nello studio PEGASUS-TIMI 54

Lo studio PEGASUS-TIMI 54 ( PrEvention with TicaGrelor of SecondAry Thrombotic Events in High-RiSk Patients with Prior AcUte Coronary Syndrome – Thrombolysis In Myocardial Infarction Study Group ), ch …

Dispositivo sperimentale per l’angina refrattaria

Reducer, un nuovo dispositivo per i pazienti con angina refrattaria

Uno studio di piccole dimensioni ha mostrato che un nuovo dispositivo, Neovasc Reducer, potrebbe fornire sollievo ai pazienti con angina refrattaria. Il dispositivo sperimentale permette di ridurre …

L’Aspirina nei soggetti sani può essere inefficace o anche dannosa

L’assunzione quotidiana di Aspirina non riesce a prevenire infarto, ictus negli anziani senza malattia cardiaca

Uno studio clinico di ampie dimensioni, effettuato in Giappone, non ha evidenziato nell’arco di 5 anni alcuna associazione tra l’assunzione una volta al giorno, di Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) …

Effetti del trattamento con Aspirina a giorni alterni sul rischio combinato di cancro, malattie cardiovascolari e sanguinamento gastrointestinale in donne sane

Il valore della Aspirina ( Acido acetilsalicilico ) nella prevenzione primaria del cancro e delle malattie cardiovascolari rimane non ben definito. L’obiettivo di uno studio è stato quello di ident …

Amiodarone & Farmaci anticoagulanti

Fibrillazione atriale: Amiodarone associato ad aumento del rischio di ictus e di embolia sistemica quando viene utilizzato con Warfarin

L’Amiodarone ( Cordarone ) è un farmaco efficace nella prevenzione della fibrillazione atriale, ma interferisce con il metabolismo del Warfarin ( Coumadin ). Uno studio ha esaminato l’associazione …

Fibrillazione atriale: effetto dell’Amiodarone sull’esito nei pazienti trattati con Rivaroxaban, un farmaco anticoagulante orale

I farmaci antiaritmici e gli anticoagulanti sono basilari nel trattamento della fibrillazione atriale. Uno studio ha valutato l’uso e gli esiti della terapia antiaritmica nei pazienti anticoagulati c …