Crea sito

Aggiornamenti sul Diabete Mellito

Diabetologia.net


https://www.diabetologia.net
Diabetologia, le Novità in Diabetologia. Diabetologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti sul Diabete e sulle complicanze associate alla Malattia …

Diabetologia News

Esiti a lungo termine dei pazienti anziani con diabete dopo …

Ozempic

Semaglutide ( Ozempic ) è un nuovo analogo di GLP-1 …

Farmaci

Effetti di Dapagliflozin su sviluppo e progressione della malattia …

Diabete mellito

Empagliflozin ed esiti clinici nei pazienti con diabete mellito di …

Insulina

Dulaglutide versus Insulina glargine nei pazienti con …

Fruttosamina e albumina …

Fruttosamina e albumina glicata per la previsione del rischio di …

Links Diabetologia

Diabetologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti …

Canagliflozin ed eventi …

Canagliflozin ed eventi cardiovascolari e renali nel …

Infarto miocardico

Risultati ricerca per “Infarto miocardico”. Liraglutide e …

Effetti della terapia aggiuntiva …

Effetti della terapia aggiuntiva con Spironolattone sulla proteinuria …

Farmaci Newsletter

ALERT Farmaci !

Top News / Donne & Osteoporosi

Osteoporosi: le donne sottoposte a terapia con bifosfonati sono ancora a rischio di fratture

Uno studio ha mostrato che le donne che vengono trattate con bifosfonati per almeno 2 anni rimangono a rischio di fratture. Il 7% è andata incontro a fratture osteoporotiche e il 35% a fratture in ge …

Diabetologia

Sildenafil può migliorare la sensibilità all’insulina nel prediabete

Uno studio ha mostrato che la sensibilità all’insulina nei pazienti con pre-diabete è risultata migliorata con il trattamento a base di Sildenafil ( Viagra ). Inoltre, è stata riscontrata una riduzio …

Nefrologia

Roxadustat corregge l’anemia nei pazienti in emodialisi e in dialisi peritoneale

I problemi di sicurezza associati agli analoghi dell’Eritropoietina e del Ferro per via endovenosa ( IV ) per il trattamento dell’anemia nella malattia renale cronica ( CKD ) inducono allo sviluppo di …

Neurologia

Il sistema di infusione intestinale continua migliora i sintomi non-motori nel Parkinson avanzato

Un gel a base di Levodopa e Carbidopa ( Europa: Duodopa; Stati Uniti: Duopa ) che viene introdotto direttamente nel duodeno riduce i sintomi non-motori nella malattia di Parkinson in fase avanzata. …

Oncologia

Sopravvivenza, risposta e sicurezza in pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato, precedentemente trattati, in terapia con Nivolumab

Il blocco della molecola sulla superficie cellulare ad azione inibitoria della morte programmata-1 ( PD-1 ) sulle cellule immunitarie utilizzando l’anticorpo completamente umano immunoglobulina G4 Niv …

Pembrolizumab versus chemioterapia nel trattamento del melanoma refrattario a Ipilimumab

I pazienti con melanoma che progredisce con Ipilimumab ( Yervoy ), se positivo alla mutazione BRAF V600, con un inibitore di BRAF o un inibitore di MEK o entrambi, hanno poche opzioni di trattamento. …

Immunoterapia per il cancro della vescica avanzato: l’espressione di PD-L1 è correlata alla risposta ad Atezolizumab, un anticorpo monoclonale diretto contro PD-L1

I primi risultati di uno studio pilota di fase II, IMvigor 210, che ha valutato l’immunoterapico Atezolizumab ( farmaco anti-PDL1; MPDL3280A ) nelle persone con carcinoma uroteliale localmente avanza …

Nivolumab versus Docetaxel nel tumore del polmone non-a-piccole cellule non-squamoso in stadio avanzato

Nivolumab ( Opdivo ), un anticorpo IgG4 completamente umano inibitore del checkpoint immunitario PD-1 ( morte programmata 1 ), è in grado di interrompere la segnalazione mediata da PD-1 e ripristinare …

Pneumologia

Asma moderata-grave non ben controllata: Lebrikizumab ha migliorato il tasso di esacerbazioni dell’asma e la funzionalità polmonare

LUTE e VERSE sono due studi, randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo, che hanno valutato dosi multiple di Lebrikizumab, un anticorpo monoclonale umanizzato, che si lega e blocca l’attiv …

Fibrosi polmonare idiopatica: Nintedanib rallenta la progressione della malattia

Nei due studi di fase III INPULSIS, controllati con placebo, della durata di 52 settimane, Nintedanib ( Ofev ) 150 mg due volte al giorno ha ridotto significativamente il tasso di declino della capac …

Fibrosi polmonare idiopatica: Pirfenidone riduce la progressione della malattia

In due di tre studi di fase 3, Pirfenidone ( Esbriet ), una terapia orale antifibrotica, ha ridotto la progressione della malattia, come misurato dal declino della capacità vitale forzata ( FVC ) o la …

Terapia del dolore oncologico

Dolore oncologico nel paziente anziano – La scala analgesica WHO può essere considerata il gold standard nel trattamento del dolore da cancro nel paziente anziano ?

La scala analgesica WHO nel trattamento del dolore da cancro è efficace nel trattamento del dolore da cancro in oltre 80% dei pazienti ( Livello di evidenza 4 ); parimenti, un approccio sequenziale ch …

Dolore oncologico nel paziente anziano – Quali farmaci del I gradino possono essere raccomandati nel trattamento del dolore da cancro lieve nel paziente anziano ?

Pur esistendo in letteratura una serie di esperienze volte a limitare il significato dei FANS ( farmaci antinfiammatori non-steroidei ) nell’approccio sequenziale al dolore da cancro secondo la scala …

Dolore oncologico nel paziente anziano – I farmaci del III gradino possono essere raccomandati nel trattamento del dolore moderato-grave dell’anziano ?

Riguardo all’uso dei farmaci oppioidi ( oppioidi deboli ed oppioidi forti ), pur non esistendo dati univoci in letteratura, le evidenze a sostegno di un loro impiego nel paziente anziano con dolore da …

Dolore oncologico nel paziente anziano – Quale ruolo per i farmaci adiuvanti nel trattamento del dolore da cancro dell’anziano ?

Le evidenze a sostegno della efficacia dei farmaci adiuvanti nel trattamento del dolore da cancro nel paziente anziano sono piuttosto modeste e scarsamente significative ( Livello di evidenza 4 ), in …

MediExplorer.it :: Motore di ricerca in Medicina

Position statement dell’AACE Scientific Committee su terapia di sostituzione con Testosterone e rischio cardiovascolare

L’American Association of Clinical Endocrinologists ( AACE ) ha rilasciato una dichiarazione di posizione ( Position statement ), sottolineando la mancanza di evidenza che lega la terapia sostitutiva a base di Testosterone con gli eventi … Leggi

Il trattamento con statine riduce il rischio di crisi convulsive post-ictus

È stata esaminata la potenziale efficacia del trattamento con statine nel ridurre il rischio di convulsioni post-ictus. In uno studio di coorte, sono stati arruolati pazienti con un primo ictus ischemico e senza storia di epilessia prima … Leggi

PRAC – L’Ibuprofene associato a un piccolo aumento del rischio cardiovascolare con dosaggi giornalieri di 2.400 mg o superiori

Il Comitato di Valutazione dei rischi per la farmacovigilanza ( PRAC ) dell’EMA ( European Medicines Agency ) ha completato una revisione che ha confermato un piccolo aumento del rischio di problemi cardiovascolari, come infarto del miocardio o … Leggi

Malattia diabetica Newsletter by Xagena

ALERT Diabete mellito !

Il Punto Cardiometabolico

Empagliflozin apporta benefici cardiovascolari indipendenti dalla insufficienza cardiaca basale nei pazienti con diabete mellito di tipo 2

I pazienti affetti da diabete mellito di tipo 2 ad alto rischio cardiovascolare trattati con l’antid .

Approfondimento

Diabete di tipo 2: la riduzione del rischio di ricovero per insufficienza cardiaca o mortalità cardiovascolare con Empagliflozin interessa pazienti sia con insufficienza cardiaca sia senza

Nuovi risultati di una sottoanalisi dello studio EMPA-REG OUTCOME, hanno mostrato come, in pazienti con diabete mellito di tipo 2 ad alto rischio di eventi cardiovascolari, la riduzione del rischio di …

News sul Diabete mellito

Sildenafil può migliorare la sensibilità all’insulina nel prediabete

Uno studio ha mostrato che la sensibilità all’insulina nei pazienti con pre-diabete è risultata migliorata con il trattamento a base di Sildenafil ( Viagra ). Inoltre, è stata riscontrata una riduzio …

L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di malattie cardiovascolari nelle donne con diabete

Una ricerca ha mostrato che le donne affette da diabete mellito esposte a lungo termine a inquinamento da traffico vanno incontro a un aumento del rischio del 44% per le malattie cardiovascolari e a u …

Le statine a intensità moderata possono ridurre l’insufficienza cardiaca nel diabete mellito di tipo 2

Da uno studio è emerso che la terapia con statine a intensità moderata riduce l’incidenza di insufficienza cardiaca nel diabete mellito di tipo 2 rispetto a una statina a bassa intensità o a nessuna s …

Farmacovigilanza

Avvertenza dell’FDA: rischio di infezioni con gli inibitori SGLT2, farmaci antidiabetici

L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) ha inserito un’ulteriore avvertenza nella scheda tecnica dei farmaci per il diabete di tipo 2 a base di inibitori del co-t …

CardioMetabolismo :: CardioMetabolismo.it

I cittadini degli Stati Uniti hanno conoscenze inesatte sullo scompenso cardiaco

Quasi sei milioni di cittadini degli Stati Uniti attualmente soffrono di insufficienza cardiaca, ma …

Anticoagulanti: sicurezza di Dabigatran nella normale pratica clinica in corso di fibrillazione atriale non-valvolare

Un’analisi dei dati di pazienti anziani arruolati in Medicare ha messo a confronto la sicurezza di D …

Dagli anticorpi monoclonali anti-PCSK9 all’interferenza dell’RNA, novità nel trattamento della ipercolesterolemia

L’approvazione degli anticorpi monoclonali anti-PCSK9, Evolocumab ( Repatha ) e Alirocumab ( Praluen …

FarmaExplorer.it :: il Motore di Ricerca sui farmaci per i medici

Lixisenatide presenta un rischio cardiovascolare neutro negli adulti con diabete di tipo 2 ad alto rischio di malattia cardiovascolare

L’agonista del recettore GLP-1 Lixisenatide ( Lyxumia ) abbassa l’emoglobina glicosilata ( HbA1c ) e non è associato né a beneficio né a rischio cardiovascolare negli adulti con diabete mellito di tipo 2 ad alto rischio di eventi … Leggi

L’uso frequente degli antibiotici può aumentare il rischio di diabete mellito di tipo 2

Le persone, che si sottopongono a più terapie antibiotiche, presentano un più alto rischio di sviluppare diabete mellito di tipo 2. I ricercatori hanno utilizzato i dati provenienti da tre registri sanitari danesi. Sono state esaminate le … Leggi

Diabete mellito di tipo 2 – Inibitori SGLT2: i benefici sono superiori al rischio di chetoacidosi diabetica

Gli inibitori SGLT2 ( cotrasportatore di sodio-glucosio di tipo 2 ) dovrebbero continuare ad essere assunti dai pazienti con diabete mellito, in linea con le attuali raccomandazioni dell’American Association of Clinical Endocrinologists ( AACE ) e … Leggi