Crea sito

Aggiornamenti Medici by Xagena

Infezione da HIV: rapporti sessuali non-protetti causa dell’86% dei casi

XagenaSalute
… i cosiddetti costi indiretti, come la perdita di giornate di lavoro per il trattamento e altre conseguenze tipiche di altre malattie croniche. ( Xagena Medicina )

Morte improvvisa negli atleti: l’ECG può rilevare fino al 95% di …

XagenaSalute
Tale screening viene applicato su una popolazione di circa 6 milioni di persone che rappresenta il 10% della popolazione italiana. ( Xagena Medicina )

La vitamina D: un ormone essenziale per la salute scheletrica

XagenaSalute
… attenzione ai dosaggi elevati somministrati in boli che possono determinare un fenomeno di inibiz

Malattie rare: diagnosi precoce delle mucopolisaccaridosi

XagenaSalute
La mucopolisaccaridosi è un gruppo di rare e gravi malattie genetiche, che consiste nell’accumulo di sostanze in diversi organi, che l’organismo non riesce a …

Carcinoma uroteliale della vescica metastatico o localmente …

XagenaSalute
Durvalumab ( Imfinzi ) è un immunoterapico antitumorale, che trova indicazione nei casi recidivati e più avanzati di carcinoma uroteliale della vescica.

Trattamento dell’arterite a cellule giganti: l’Agenzia regolatoria degli …

XagenaSalute
L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Tocilizumab ( Actemra; nell’Unione Europea: RoActemra ) in …

Informazioni validate sui Tumori by Xagena

Oncologia News

Carcinoma uroteliale della vescica localmente avanzato o metastatico: Atezolizumab, come prima linea, riduce le dimensioni del cancro

Nel corso dell’Annual Meeting dell’American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) sono stati presentati i risultati dello studio di fase II, IMvigor210, che hanno dimostrato come Atezolizumab riduca la dimensione del tumore ( tasso di risposta obiettiva, ORR ) nel 24% ( n=28 ) dei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico ( mUC ), non-trattati in precedenza, e che non potevano essere sottoposti a chemioterapia a base di Cisplatino….Leggi l’articolo

Studio CheckMate -017: Nivolumab superiore a Docetaxel nel tumore del polmone non-a-piccole cellule squamoso metastatico precedentemente trattato

CheckMate -017 è uno studio clinico randomizzato di fase III, in aperto, che ha valutato Nivolumab [ Opdivo ] ( 3 mg/kg ogni due settimane, in infusione endovenosa per 60 minuti ) verso lo standard di cura Docetaxel [ Taxotere ] ( 75 mg/m2 ogni tre settimane, per via endovenosa ) nei pazienti con carcinoma del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) squamoso avanzato in progressione durante o dopo un precedente regime chemioterapico a due farmaci a base di Platino….Leggi l’articolo