Crea sito

OncoImmunoTerapia: La Nuova Frontiera dell’Oncologia

OncoImmunoTerapia :: Immunoterapia oncologica

Immunoterapia oncologica personalizzata:: Atezolizumab ( Tecentriq )

Atezolizumab è la prima e unica immunoterapia oncologica anti PD-L1 che permette ai pazienti affetti da tumore del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) metastatico di vivere significativamente più a lungo rispetto ai pazienti trattati con la chemioterapia, indipendentemente dal loro livello di espressione di PD-L1 o dall’istologia del tumore. Atezolizumab ha dimostrato di offrire un beneficio significativo persino nei soggetti il cui tumore presentava livelli di espressione di PD-L1 bassi o assenti.
Per maggiori informazioni sulla Immunoterapia oncologica personalizzata : OncoImmunoterapia.net

Immunoterapia oncologica personalizzata :: L’immunoterapia oncologica personalizzata ( PCI-personalised cancer immunotherapy ) mira a fornire a ogni singolo paziente le opzioni terapeutiche più adeguate alle loro esigenze specifiche.

Il programma di ricerca e sviluppo di Roche nella PCI comprende più di 20 molecole sperimentali, di cui otto sono in fase di sviluppo clinico. Tutti gli studi includono una valutazione prospettica dei biomarcatori volti a individuare i pazienti che più di altri possono beneficiare nell’impiego di questi farmaci.

Nel caso di Atezolizumab, la PCI inizia con la valutazione mediante immunoistochimica di PD-L1 ( Programmed Death Ligand-1 ) basato sull’anticorpo SP142 sviluppato da Roche Tissue Diagnostics.

L’obiettivo dell’utilizzo di PD-L1 come biomarcatore è quello di individuare i pazienti che più di altri possono trarre benefici clinici da Atezolizumab in monoterapia rispetto a quelli che possono beneficiare maggiormente di terapie di combinazione; l’obiettivo è quello di fornire informazioni aggiuntive sulle strategie di trattamento in modo da offrire al maggior numero di pazienti terapie che offrano un beneficio significativo. La possibilità di combinare Atezolizumab con diverse chemioterapie può, inoltre, offrire nuove opzioni terapeutiche a pazienti affetti da diverse tipologie di tumori, indipendentemente dal loro livello di espressione di PD-L1.