Crea sito

Aritmie News by Xagena

 

Nella fibrillazione atriale non-valvolare, il prediabete conferisce un rischio elevato di ictus

Il diabete e il prediabete sono risultati associati a un aumentato rischio di ictus nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare. La connessione tra diabete e rischio di ictus in questa pop …


EAST-AFNET 4: il controllo precoce del ritmo per la fibrillazione atriale riduce il rischio di esiti cardiovascolari non-favorevoli

La terapia del controllo del ritmo entro 1 anno dalla diagnosi di fibrillazione atriale nei pazienti con condizioni cardiovascolari ha ridotto il rischio di eventi cardiovascolari rispetto alle cure a …


Rischio di ictus e demenza nei pazienti con e senza fibrillazione atriale e malattia arteriosa carotidea

I pazienti con malattia arteriosa carotidea con e senza fibrillazione atriale sono a rischio di ictus. I pazienti con fibrillazione atriale sono a più alto rischio di ictus e demenza. Uno studio …


COVID-19 e aritmie cardiache

La fibrillazione atriale incidente, la bradicardia clinicamente significativa e la tachicardia ventricolare non-sostenuta non sono state associate alla mortalità nei pazienti con COVID-19. Gli arrest …


Associazione tra fibrillazione atriale mediata dall’obesità e terapia di blocco del canale di sodio con farmaci antiaritmici

L’associazione tra obesità, un fattore di rischio stabilito per la fibrillazione atriale e la risposta ai farmaci antiaritmici rimane non ben definita. È stata esaminata l’ipotesi secondo cui l’obes ..


ECG con algoritmo di intelligenza artificiale per l’identificazione di pazienti con fibrillazione atriale durante il ritmo sinusale

La fibrillazione atriale è spesso asintomatica e quindi non-rilevata, ma è associata a ictus, insufficienza cardiaca e morte. I metodi di screening esistenti richiedono un monitoraggio prolungato e …


Rischio di mortalità dopo ablazione transcatetere della fibrillazione atriale

Sebbene i decessi correlati alla procedura durante l’ammissione ospedaliera a seguito dell’ablazione transcatetere della fibrillazione atriale ( FA ) siano stati segnalati con una bassa incidenza, dop …


Ablazione transcatetere della tempesta di fibrillazione ventricolare refrattaria dopo infarto miocardico

La tempesta di fibrillazione ventricolare dopo infarto del miocardio è una condizione pericolosa per la vita che richiede defibrillazioni multiple. L’ablazione transcatetere è una strategia di tratt …


Effetto dell’ablazione transcatetere versus terapia antiaritmica su mortalità, ictus, sanguinamento e arresto cardiaco nei pazienti con fibrillazione atriale: studio CABANA

L’ablazione transcatetere è efficace nel ripristinare il ritmo sinusale nella fibrillazione atriale ( AF ), ma i suoi effetti sulla mortalità a lungo termine e sul rischio di ictus non sono ben defini …


Rischi precoci di morte, ictus / embolia sistemica e sanguinamento maggiore nei pazienti con fibrillazione atriale di nuova diagnosi: risultati dal registro GARFIELD-AF

La fibrillazione atriale è associata a un aumento del rischio di morte, ictus / embolia sistemica e sanguinamento ( sostenuto dalla terapia antitrombotica ), che può verificarsi precocemente dopo la d …

Effetto dell’ablazione transcatetere rispetto alla terapia antiaritmica sulla qualità di vita nei pazienti con fibrillazione atriale: studio CAPTAF

La qualità di vita non è un risultato primario standard negli studi sull’ablazione, anche se i sintomi guidano l’indicazione. È stata valutata la qualità di vita con l’ablazione con catetere rispett …


L’ablazione della fibrillazione atriale riduce le ospedalizzazioni

Tra i pazienti sottoposti ad ablazione transcatetere per fibrillazione atriale, i ricoveri per cause cardiovascolari sono risultati meno frequenti nell’anno successivo alla procedura rispetto all’anno …


Fibrosi atriale mediante risonanza magnetica con captazione tardiva del Gadolinio e ablazione transcatetere della fibrillazione atriale: dati di follow-up a 5 anni

L’imaging con risonanza magnetica con captazione tardiva del Gadolinio è uno strumento efficace per la valutazione della fibrosi atriale. Il grado di fibrosi atriale sinistra è un buon predittore de …


Microemorragie cerebrali come biomarcatore per il rischio di emorragia nella fibrillazione atriale anticoagulata

La presenza di microemorragie cerebrali può predire il rischio di emorragia intracranica sintomatica in pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a terapia anticoagulante a seguito di ic …


La terapia anticoagulante orale dopo ictus riduce il rischio di eventi ricorrenti nella fibrillazione atriale

I pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a terapia anticoagulante orale dopo un ictus hanno un ridotto rischio di eventi tromboembolici ricorrenti rispetto a quelli che hanno ricevuto terapia a …